Navigazione veloce

Discorso di Inizio Anno Scolastico alla Comunità

  Discorso di Inizio Anno Scolastico alla Comunità

 

Inizia oggi il mio terzo anno di dirigenza nell’IC Orazio; il mio mandato è venuto a coincidere con l’emergenza planetaria da Covid-19 che un giorno gli alunni del futuro studieranno nei libri di storia. Quasi non ricordo più i primissimi mesi di presidenza quando- ignara degli stravolgimenti che si sarebbero verificati nella vita e, nello specifico, nella scuola- muovevo i miei primi passi in quell’incarico che mi ha fatto assumere uno sguardo nuovo sulla scuola e sugli alunni, non più solo quelli che gelosamente accompagnavo da docente nel percorso scolastico -spesso anche interiore ed esistenziale- ma quelli di un intero istituto che in ugual misura sentivo, sin da subito, già miei. Sono stati tempi difficili, in cui ci è stata sconvolta l’esistenza ma sento che, dopo la tempesta di un mare in burrasca, la nostra nave finalmente intravede la terraferma. Ora il tratto che ci separa dall’approdo sembra lunghissimo e tortuoso con altre piccole sfide quotidiane ma dopo tanti sacrifici, dolore e paure il porto è vicino. Adesso più che mai occorre essere fiduciosi nel futuro, solidali tra noi e sereni per poter guidare nel modo migliore queste giovani menti che abbiamo il compito istituzionale e il dovere morale di accompagnare nel loro percorso di crescita umana. Devo dire che, rispetto ai primi due anni, ho avuto un po’ di difficoltà a preparare il discorso di inizio anno scolastico, forse perché non lo sento come un inizio, non è un vero e proprio inizio, non per me, non per coloro che hanno lavorato ininterrottamente al mio fianco per consentire di riaprire i cancelli di una scuola che spero si presenti effettivamente rinnovata -e non solo per le pareti che abbiamo tinteggiato.

Nel rivolgermi a voi, bambine e bambini, mi tornano in mente le parole di un papa a me molto caro, Giovanni Paolo II, che in un suo discorso invitava i giovani a non lasciarsi vivere, cioè a non essere degli spettatori passivi di quel meraviglioso spettacolo che è la VITA, ma a prendere in mano la propria vita per realizzarne un autentico e personale capolavoro.

Buon anno scolastico a tutti

Dirigente Scolastica

Prof.ssa Caterina Di Tella